Chrysoperla carnea

Chrysoperla
 
Predatore di Afidi.

pdf SCHEDA PRODOTTO

pdf SCHEDA CATALOGO

  no-residue logo BIO

Gli afidi. Chrysoperla carnea è un predatore di numerose specie di afidi come Macrosiphum spp., Myzus spp. e Aphis gossypii. Di seguito viene riportata una breve descrizione di Aphis gossypii e Myzus persicae, considerati i più pericolosi e difficili da controllare anche a causa della comparsa di popolazioni resistenti a numerosi aficidi.

Aphis gossypii, chiamato anche Afide del cotone, è un piccolo afide (0,9-1,8 mm) con i cornicoli neri. il colore varia dal giallo chiaro al verde scuro, ha codicola corta e antenne più corte del corpo. A. gossypii è originario di areali più caldi, ma è ormai distribuito dovunque, soprattutto in serra. Le colture più attaccate sono cetriolo, zucchino, melone, cocomero e melanzana, ma anche ornamentali come ibisco e crisantemo. Nelle regioni settentrionali con inverni freddi, A. gossypii sverna come uovo durevole su Hibiscus syriacus, Catalpa o Rhamnus; da lì si sviluppano le prime generazioni fino alla metà di maggio, quando compaiono le forme alate che migrano sugli ospiti secondari, rappresentati soprattutto da Solanacee e Cucurbitacee. In autunno l’afide ritorna sull’ospite primario per la deposizione delle uova durevoli. Nelle colture protette si svolgono cicli ininterrotti (anolocicli).

Myzus persicae, conosciuto anche con Afide verde del pesco, è un afide di piccole dimensioni (1,2-2,6 mm), con colore variabile dal giallo-verde chiaro al verde, a volte anche rosso. I cornicoli sono di dimensioni medie e le antenne lunghe fino ai cornicoli. Nelle regioni temperate M. persicae sverna di solito come uovo durevole sul suo ospite invernale (pesco o altre Drupacee). Dopo alcune generazioni sul suo ospite primario si sposta su diverse colture erbacee, per fare ritorno sul pesco a fine ciclo per la deposizione delle uova durevoli. Anche M. persicae può svolgere cicli ininterrotti (anolocicli) sulle colture protette. M.persicae infesta molte colture orticole (peperone, pomodoro, melanzana, cetriolo, lattuga), ornamentali (crisantemo, geranio) e di pieno campo (patata, tabacco, bietola, cavolo, spinacio); può trasmettere più di 100 virosi.

Il predatore Chrysoperla carnea è un predatore molto comune di numerose specie di afidi. L’attività di predazione è svolta solo dalla larve, mentre gli adulti si nutrono di polline o sostanze zuccherine. Gli adulti sono caratterizzati da una leggiadra livrea verde chiaro che li rende facilmente riconoscibili. Altrettanto caratteristiche sono le uova deposte su un lungo peduncolo, di solito in mezzo alle colonie degli afidi. Dalle uova sguscia una larva. Sono necessari tre stadi larvali prima della tessitura del bozzolo da cui sfarfalla l’adulto. Le larve sono riconoscibili per il caratteristico apparato boccale a forcipe. Si tratta di attivi predatori che possono nutrirsi di diversi afidi durante il loro sviluppo giovanile. Le larve neosgusciate sono immediatamente in grado di nutrirsi di prede; una singola larva può predare anche più di 200 afidi. Oltre agli afidi, anche altre fonti di cibo sono utilizzate, tra cui acari, uova di lepidotteri, tripidi, cocciniglie, e piccoli insetti.

A circa 25°C occorrono 2-3 settimane per completare lo sviluppo da uovo ad adulto ma C. carnea è molto adattabile anche a condizioni ambientali sfavorevoli e con ampie fluttuazioni termiche.

CONSIGLI PER L'IMPIEGO

Colture. Chrysoperla carnea può essere impiegato con successo per il controllo degli afidi su colture orticole come peperone, fragola, melanzana, e piante ornamentali.

Lancio del predatore. Le larve vanno distribuite in maniera accurata sulla vegetazione, anche in più riprese, curando maggiormente le zone più infestate. Il quantitativo di riferimento è di 10-20 larve per m²; quantitativi inferiori sono comunque efficaci per inoculare questo versatile predatore negli ambienti colturali. Attenzione ad eseguire lanci ripetuti ad intervalli troppo ravvicinati, in quanto in caso di scarsità di prede le larve mature e non ancora diventate adulte potrebbero anche nutrirsi delle larve più piccole appena lanciate (cannibalismo).

Condizioni ottimali. A circa 25°C occorrono 2-3 settimane per completare lo sviluppo da uovo ad adulto ma C. carnea è molto adattabile anche a condizioni ambientali sfavorevoli e con ampie fluttuazioni termiche.

Confezioni: barattoli da 250 ml contenenti le larve di II età frammiste a materiale dispendente (pula di grano saraceno) così da evitare il cannibalismo.

Conservazione: in frigorifero. NON congelare! Eseguire il lancio entro e non oltre 18 ore dalla consegna!

Chrysoperla carnea può essere usata in combinazione con agrofarmaci selettivi. In caso di dubbi inerenti la selettività di un determinato principio attivo verso C. carnea contattare l’Area Tecnica BIOGARD di CBC (Europe) S.r.l. (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).

CAMPI E DOSI DI IMPIEGO

Orticole in serra

10-20 larve/m², anche in più lanci ripetuti, curando maggiormente le zone più infestate

Ornamentali in serra

10-20 larve/m², anche in più lanci ripetuti, curando maggiormente le zone più infestate
 
BIOGARD® 
is a division of

CBC
 (Europe) S.r.l.
C.F./P.IVA e Reg.Imprese BG
n.07867200961
Cookie & Privacy Policy

biogard.it utilizza i cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l'impiego di cookie in accordo con la nostra policy. Privacy