MISTER L E

Per il controllo di Lobesia botrana (Tignoletta della vite) ed Eupoecilia ambiguella (Tignola della vite)

Dettagli

Composizione

(E,Z)-7,9-Dodecadienyl acetate: 61 g/kg, (Z)-9-Dodecenyl acetate: 61 g/kg, solvente e propellente.

Confezioni

MISTER L E: unità singola, cartone da 12 unità MISTER PRO (emettitore automatico preprogrammato) unità singola, cartone da 12

Classificazione CLP

Infiammabile, Irritante
Infiammabile
Irritante

Tempo di Carenza

non richiesto

Conservazione

nell’imballo originale in luogo fresco e asciutto, lontano da fonti di calore e fiamme libere
Download
Approfondimenti
Descrizione

MISTER L E è una bomboletta aerosol in alluminio contenente il feromone sintetico chimicamente analogo a quello naturale della Lobesia botrana (Tignoletta della vite) e di Eupoecilia ambiguella (Tignola della vite), senza gas a effetto serra. MISTER L E è abbinato ad un apposito emettitore automatico temporizzato pre-programmato, MISTER PRO, attivato direttamente all’inserimento della bomboletta. La formulazione liquida contenuta nella bomboletta, una volta fuoriuscita dall’ugello, si nebulizza in microgocce grazie alla forte espansione del propellente. Queste vanno a creare la nuvola feromonica che è la base del meccanismo della confusione sessuale. L’incontro e l’accoppiamento tra gli individui delle tignole ne risulterà, di conseguenza, inibito e/o ritardato. Una sola applicazione di MISTER L E garantisce la copertura stagionale dell’attività di volo delle due tignole.

MISTER L E deve essere installato PRIMA dell’avvio delle catture della generazione svernante, posizionando il prodotto sui pali di sostegno dei filari o altre strutture presenti nel vigneto.
L’applicazione della confusione sessuale non è da considerarsi alternativa alla difesa fitoiatrica ma, invece, complementare, a seconda delle condizioni dell’area di applicazione. All’interno di vigneti con forti infestazioni storiche di Tignoletta e Tignola della vite si possono verificare, infatti, accoppiamenti casuali, non mediati dall’attrazione feromonica delle femmine nei confronti dei maschi. Inoltre, femmine fecondate provenienti da vigneti vicini o da altre fonti di infestazione possono causare danni non previsti. L’applicazione della confusione sessuale necessita di frequenti controlli di campo per mantenere sotto controllo l’evoluzione della popolazione del fitofago e intervenire tempestivamente per abbassare le popolazioni qualora necessario. È necessario posizionare le trappole di monitoraggio all’interno del vigneto e lungo i bordi delle aree in confusione e ispezionarle settimanalmente. Normalmente si ha un azzeramento quasi totale delle catture. I controlli in prima generazione sono molto importanti per determinare l’eventuale necessità di un trattamento chimico integrativo. Controllare almeno un centinaio di grappoli al centro e lungo i bordi dell’area trattata e programmare una difesa sulla seconda generazione nel caso si superi la soglia indicativa di 5-8% di grappoli con nidi. In caso contrario, verificare la presenza delle uova in seconda ed in terza generazione per una stima  precoce del rischio. Al termine della seconda generazione effettuare un rilievo con le stesse modalità di quello eseguito sulla prima.